Tu sei qui

La tosse nei cani

tosse cane freddo ambulatorio rusconi veterinario rozzano
01 Novembre 2020

La tosse consiste nell’espulsione violenta di aria dal polmone attraverso la bocca:  è un meccanismo  con cui si cerca di liberare le vie respiratorie da un corpo estraneo o da secrezioni di muco; anche i processi infiammatori e irritativi scatenano questo meccanismo.

La tosse è un sintomo, non una malattia: è una condizione da non sottovalutare, soprattutto se si verificano diversi episodi.

Questa può essere produttiva o secca: la prima deriva dall’espulsione di muco, essudato o sangue (emottisi) dalle vie aeree nella cavità orale, seguito in genere da una deglutizione; la tosse secca generalmente è dovuta ad un fenomeno irritativo della trachea o ad un’ infiammazione dei bronchi (bronchite).

Le cause di tosse nel cane possono essere generalmente diverse.

Le infiammatorie (faringite, tonsillite, trancheite, tracheo-bornchite, bronchite, polmonite o broncopolmonite) che si distinguono in forme acute o croniche.

Le infettive come la tracheobronchite infettive: comunemente conosciuta come “tosse dei canili” e sostenuta generalmente da Bordetella Bronchiseptica.

Le meccaniche come il collasso tracheale (tipici rumori stridenti definiti “a verso d’anatra”),  da corpo estraneo, paralisi laringea, polmonite ab ingestis, etc.

Nei cuccioli sono abbastanza frequenti  casi di aspirazione accidentale di latte (specialmente in corso di errato svezzamento artificiale) o di oggetti di piccoli dimensioni che vanno ad ostruire le vie aeree. I cuccioli hanno maggiori probabilità di essere colpiti da malattie respiratorie (specialmente se non vaccinati) e parassitarie rispetto ai soggetti adulti: ad esempio migrazione di larve (Toxocara spp., Ancylostoma caninum, Strongyloides spp.) Nel cucciolo la tosse deve sempre preoccupare, perché può essere associata a forme fortemente infettive che possono degenerare.

Nei cani da caccia ad esempio  è possibile l’inalazione accidentale di ariste di graminacee durante il periodo primaverile/estivo. Si verifica in seguito a soggiorni all’aria aperta in campi con erba particolarmente ricca di tali vegetali.  La diagnosi viene effettuata attraverso un esame radiologico e con l’ausilio dell’endoscopia tracheobronchiale capace di estrarre il corpo estraneo risolvendo del tutto la problematica.

Un altro esempio comune è il collasso tracheale, frequente nei cani di piccola taglia, che riduce il lume interno dell’organo ed in genere è dovuto a modificazioni strutturali della pars cartilaginea degli anelli tracheali. In questi casi è importante eseguire delle opportune radiografie per quantificare il grado di ostruzione. Le razze toy e nane (Chihuahua, Spitz, Barboncino, Yorkshire Terrier) sono maggiormente predisposte.

 

Altre cause di tosse  sono quelle allergiche, cardiovascolari o neoplastiche: le ultime due soprattutto nel cane anziano. In caso di tosse di origine cardiaca sarà necessaria un’accurata visita cardiologica ed un ecocardiogramma.

E’ importante non fumare nell’ambiente in cui è presente il cane: il fumo passivo è molto irritante, oltre ad essere cancerogeno per chi lo subisce. Gli animali dovrebbero essere tenuti il più possibile lontani da odori (deodoranti ambientali) e sostanze irritanti (fumo di sigaretta, smog ecc).

 Il cane con la tosse non va esposto d’estate all’aria condizionata che secca le mucose irritandole ulteriormente. Il soggetto va tenuto  tranquillo, non esponendolo a correnti o sbalzi di temperatura.

 

A seconda dei casi, oltre alla tosse si potrebbero presentare emissioni di muco, di sangue o di saliva, vomito, fiato corto, perdita dell’appetito, abbattimento ecc. Spesso la tosse può essere confusa dal proprietario con altri sintomi quali starnuto, starnuto inverso, conati o vomito. Se la tosse è associata ad altri sintomi (come abbattimento, riluttanza al movimento, anoressia ecc) è segno di malattia sistemica.

 

Per comprendere  l’origine del problema si possono effettuare radiografie del torace, meglio se in doppia proiezione; esami del sangue tra cui l’emocromocitometrico completo e un profilo biochimico del siero;

l’analisi di campione fecale può essere utile per rivelare la presenza di parassiti respiratori e snap test rapidi su sangue specifici per la filariosi cardiopolmonare e la strongilosi polmonare.

La terapia per la tosse nel cane non è univoca ma dipende dalla causa che l’ha scatenata: è buona norma non improvvisare terapie casalinghe, ma consultare sempre il proprio veterinario.

La terapia di base potrà essere antibiotica se l’agente eziologico (la causa) riconosciuto è un batterio o una terapia antinfiammatoria nel caso in cui sia dovuta ad uno stimolo irritativo o infiammatorio.

Nelle situazioni più gravi, per esempio in caso di polmoniti o broncopolmonite in cui il cane presenta difficoltà respiratorie, può essere necessario il ricovero affinché vengano somministrati farmaci per via endovenosa e ossigenoterapia.

Una corretta profilassi vaccinale unitamente ad una giusta profilassi antiparassitaria contribuisce a proteggere l’animale da alcune patologie dell’apparto respiratorio.

È consigliato, specialmente nelle regioni a rischio, eseguire periodicamente il test per la filariosi cardiopolmonare e fare la corretta profilassi anti-filaria, durante buona parte dell’anno.

I rimedi che devono essere messi in atto dipendono strettamente dalla causa che l’ha scatenata e dal tipo di tosse. Se questa è leggera e secca, spesso il veterinario prescriverà una terapia antibiotica, farmaci mucolitici e aerosol. Nel caso in cui la situazione non sia migliorata nel giro di pochi giorni, potrebbero essere richiesti alcuni accertamenti fra cui esami del sangue e delle feci, radiografie, ecocardiografia, broncoscopia.

Se il sintomo è presente in maniera ricorrente, il proprietario dovrà contattare il proprio Medico Veterinario. E’ da sconsigliare terapie fai-da-te e un uso sconsiderato di antibiotici che potrebbe portare alla comparsa di microrganismi antibiotico-resistenti potenzialmente pericolosi per il buon esito della terapia o addirittura del tutto inutili quando si è di fronte a condizioni non infettive.

 

 

 

indietro